MultiPly-A Designer At Heart-Interior Design Consultant-00

Multiply di Waugh Thistleton Architects | Architettura sostenibile al LDF18

MultiPly è uno dei progetti Landmark del London Design Festival 2018, conclusosi ieri. È stato progettato da Waugh Thistleton Architects che sono specializzati nel realizzare edifici ecosostenibili a Londra, sia nel settore commerciale che residenziale.

Li conosco da quando avevo notato uno dei loro nuovi edifici in zona Finsbury Park, noto come Woodberry Down. Speravo segretamente di affittare un appartamento lì, ma qualcuno ha fatto un’offerta prima che potessi contattare l’agenzia!

Poi ho scoperto che Waugh Thistleton era responsabile di uno dei Landmark projects per il London Design Festival. Quest’anno il LDF è stato più attivo che mai e si è svolto in più aree della città. Non sono riuscita a girare quanto avrei voluto, ma nonostante ciò ho visto alcune esibizioni davvero interessanti. Certamente MultiPly è una di queste ed è diventata ancora più speciale poiché ho avuto il piacere di intervistare uno dei fondatori. E questo è stato il momento che più mi ha ispirata in tutto festival.

MultiPly-A Designer At Heart-Interior Design Consultant-01

Leggi di seguito la mia conversazione con Andrew Waugh!

 

M. Parliamo di MultiPly, il tuo progetto Landmark per LDF18. Da dove viene l’ispirazione?

A. Negli ultimi 15 anni abbiamo progettato edifici in legno e ne abbiamo costruiti di tutti i tipi, da palazzi ad edifici per uffici, cinema e sinagoghe. Gran parte del nostro lavoro riguarda la ricerca di diversi tipi di legno, pannelli, travi, e colonne. E quindi quello che abbiamo fatto qui è lavorare con un legno di tulipano duro, che è economico e resistente e proviene dall’Est degli Stati Uniti. Abbiamo cercato soluzioni per pressarlo in pannelli ingegnerizzati, in modo da migliorare la forza e la durata del materiale e la facilità di lavorazione.

MultiPly-A Designer At Heart-Interior Design Consultant-02

Allo stesso tempo, molto del nostro lavoro di recente ha riguardato case prefabbricate, e processi di costruzione industrializzati. Sai, il modo in cui costruiamo gli edifici ora è esattamente lo stesso di cento anni fa. Ogni altra industria, ogni altra branca del design ha abbracciato l’industrializzazione e la tecnologia digitale. Quindi l’idea alla base della nostra ricerca è creare opportunità di industrializzazione per migliorare il design e l’architettura. Guardiamo anche all’utilizzo di materiali naturali, ai problemi che circondano il cambiamento climatico e la produzione di anidride carbonica. E anche di ‘Biofilia’, il principio per cui essere circondati da materiali naturali fa bene, ti rende più felice, ti rende più sano, meno stressato, eccetera.

M. Riesci ad applicare questi principi in ogni edificio che disegni? Per esempio, sto pensando a Woodberry Down, l’edificio vicino Finsbury Park. L’havete progettato voi giusto?

A. Sì, giusto.

M. Beh, lo adoro davvero. Abito nelle vicinanze e a dire il vero, da fuori non si direbbe che sia interamente realizzato in legno, lo sto scoprendo oggi.

A. Sì, è fatto di legno. In quanto architetti interessati alla pratica sostenibile dell’edilizia, siamo sempre stati davvero concentrati sul renderla una pratica di uso comune. Lavoriamo quindi con grossi imprenditori e costruttori e lavoriamo con loro insegnandogli come mettere in atto processi di costruzione più sostenibili e rispettosi dell’ambiente.

M. Vi occupate anche di interni…

A. Sì, accettiamo ogni opportunità di lavorare.

M. Come si porta la sostenibilità nell’arredamento d’interni?

A. Noi osserviamo ogni materiale che usiamo. E lo osserviamo in termini di quanta energia è stata utilizzata per produrlo, quanto è facile riutilizzarlo, ecc. Penso che se non fai parte della soluzione sei parte del problema, in termini di cambiamento climatico.

MultiPly-A Designer At Heart-Interior Design Consultant-05

© David Parry

E come architetti e designer dovremmo prenderci in carico la responsabilità del nostro settore, essere leader. La maggior parte degli architetti non si occupa affatto di questioni di sostenibilità. Si occupano forse di inserire un po’ più di isolamento o un pannello solare sul tetto, ma la faccenda è un po’ più seria di così.

M. Hai un progetto dei sogni? Voglio dire, se potessi progettare qualunque qualcosa, quale sarebbe?

A. Sai, ho costruito degli edifici davvero favolosi, sono stato davvero fortunato. Ho anche costruito la mia casa.

MultiPly-A Designer At Heart-Interior Design Consultant-06

Penso che ci piacerebbe davvero essere coinvolti in una partnership dinamica e con un buon finanziamento con qualcuno che si occupi di abitazioni modulari. Questo è ciò che davvero mi affascina. Non case unifamiliari ma una soluzione multifamiliare a prezzi accessibili. Questo è quello che stiamo cercando.

M. Qualche consiglio per giovani designer che stanno per fondare la loro compagnia a Londra?

A. Fai ciò in cui credi.

 

Cover image courtesy of David Parry.
Unless otherwise specified, images © A Designer At Heart Ltd

Sono Martina, una designer italiana che vive a Londra. Passo il mio tempo a progettare interni o scriverne. Oltre a questo mi piace viaggiare e puoi facilmente incontrarmi mentre vago per le strade dell’East End londinese, bevendo caffé e fermandomi a ogni negozio di libri che trovo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: